COVID-19 Restiamo sempre al vostro fianco. Consulta il nostro Centro Assistenza.

Dany
Sposa Precisa Settembre 2018 Vicenza

Floating in gravidanza

Dany, il 5 Maggio 2021 alle 15:45 Pubblicato in Future mamme 0 4
Salvato
Rispondi
Ciao a tutte, qualcuna di voi ha mai provato il floating in gravidanza? È da tanto che vorrei provarlo e tra un po' avrei l'occasione per provarlo ma ora essendo incinta non so se posso farlo ugualmente. Voi avete esperienze?

4 Risposte

Ultime attività da Dany, il 7 Maggio 2021 alle 10:24
  • Dany
    Sposa Precisa Settembre 2018 Vicenza
    Dany ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Parlarne con il medico prima è scontato 😅 volevo solo capire se qualcuna lo aveva già provato in gravidanza
    • Rispondi
  • T-e-a
    Bologna
    T-e-a ·
    • Segnala
    Ok penso di averne seriamente bisogno...
    Scherzi a parte secondo me è meglio se ne parli prima con la ginecologa viste le particolari condizioni dell'ambiente interno, poi sentirei anche chi gestisce la struttura in cui lo fanno. Queste situazioni di isolamento sensoriale possono creare dei fastidi in soggetti sensibili, e in gravidanza generalmente si ha una sensibilità amplificata a molti stimoli (temperatura, rumore, pressione...). Cioè non voglio fare allarmismo però chiederei al medico prima 😅
    • Rispondi
  • Dany
    Sposa Precisa Settembre 2018 Vicenza
    Dany ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Ciao, Il galleggiamento altrimenti noto come "Floating" è un modo per raggiungere stati di rilassamento profondo ottenuto privando (isolando) il nostro sistema nervoso centrale da quanti più stimoli esterni possibile. In questo modo il nostro cervello viene scaricato di circa l'85% del suo carico di lavoro e questo potenziale può così essere messo a disposizione per creatività, immaginazione, visualizzazione e risoluzione problemi, mental training e anche per acuire le nostre percezioni.

    Lo si pratica immergendoci e galleggiando sul dorso in una soluzione contenente sale di Epsom (Solfato di Magnesio) e la cui densità è il il 28-30 % più elevata dell’acqua in modo da generare la spinta idrostatica sufficiente a far galleggiare la persona sulla superficie. Questa particolare soluzione è mantenuta alla temperatura della nostra pelle 34,8-35,5 °C ed è contenuta in speciali vasche note anche come Floating Pod (conca) che possono essere chiusi o tenuti aperti.

    Il galleggiare in questa soluzione desensibilizza progressivamente ed in modo naturale le stimolazioni tattili rendendo impercettibile il contatto con il liquido in cui si è immersi e inducendo la sensazione di non sapere più dove il nostro corpo finisce ed inizia il liquido.

    La vasca è costruita in modo da garantire l'isolamento acustico e termico ed una volta chiusa, seppur mantenendo un’adeguata ventilazione, diventa un luogo in cui, come in una “bolla”, il nostro corpo è libero dall’effetto della gravità ed in completo isolamento dagli stimoli provenienti dall’esterno. Dopo un periodo che può variare dai 10 ai 20 min si perdono gradualmente a poco a poco, tutte le stimolazioni tattili, uditive, visive, olfattive e di posizione e si ha la sensazione di fluttuare in uno spazio indefinito di cui non percepiamo i limiti ne il trascorrere del tempo. Fluttuare è la parola da cui deriva Floating e Galleggiamento. Fluttuare non significa cadere ma permanere senza percepire peso in un momento di "omeostasi sensoriale" in un "niente" in cui esistiamo soltanto come "mente".

    • Rispondi
  • L
    Sposa Saggia Agosto 2018 Trento
    Lilly ·
    • Segnala

    Sono curiosa: cos'è il floating? Smiley laugh

    • Rispondi

Hai votato . Scrivi un commento con i motivi della tua preferenza 👇

×

Articoli che potrebbero interessarti