Vai ai contenuti principali

Il contenuto del post è stato nascosto

Per sbloccare il contenuto, clicca qui

Luana
Sposa Master Settembre 2019 Torino

Risvegli notturni

Luana, il 18 Aprile 2024 alle 21:30 Pubblicato in Future mamme 0 8
Buonasera, mia figlia ha quasi due anni e mezzo e fa ancora moltissimi risvegli notturni. La maggior parte (per non dire tutti) semplicemente perché vuole il seno. Non mi pesa allattare perché durante il giorno non la chiede quasi mai, ma la notte è diventato davvero pesante.
Avete consigli? È successo a qualcuna di voi? Come vi comportavate? Purtroppo non posso delegare mio marito in quanto fa turni al lavoro e spesso di notte non c'è. Non valuterei nemmeno il lasciarla piangere finché si abitua ecc ecc.
Grazie 🙏

8 Risposte

Ultime attività da Didi ✨, il 20 Aprile 2024 alle 16:00
  • D
    Sposa Abituale Settembre 2023 Milano
    Didi ✨ ·
    • Segnala
    • Nascondi contenuto
    Visualizza messaggio citato
    Capisco che sia difficile ❤️ noi abbiamo superato quella fase con tanta fermezza ed empatia da parte mia. Durante il giorno (io ho smesso di colpo di allattare, perché dovevo fare una cura non compatibile con l’allattamento e questo mi ha dato la forza per non avere incertezze con lei) le dicevo che il seno stava facendo la nanna (e per lei, all’epoca, significava che “era andato via”). Di giorno non ha avuto problemi ad accettarlo, la notte ovviamente non gliene importava un fico secco che “il seno facesse la nanna” e lo voleva con disperazione… io sono sempre stata accanto a lei, coccolandola, cullandola, rassicurandola finché non si addormentava. A volte era così arrabbiata che non voleva nemmeno la toccassi, e allora stavo semplicemente di fianco a lei cantando una ninna nanna. Ovviamente i primi giorni i risvegli erano difficilissimi da gestire perché non si voleva più addormentare, ma davvero, passate due notti la situazione ha avuto una svolta. Perciò ti suggerirei prima di tutto di trovare la determinazione dentro di te per smettere (se è quello che vuoi), poi una “storia” da raccontare a lei sul fatto che il seno non ha più latte o non può più ciucciarlo che possa andare bene alla vostra situazione. Io, se può aiutarti, non mi sono mai pentita di aver smesso di allattare, anzi, sono sempre stata fiera di aver trovato la forza di smettere quando per me era il momento di farlo. E se temi che il vostro rapporto possa cambiare, sono sicura che tua figlia ti stupirà in positivo, così come ha fatto (e continua a fare) la mia ❤️
    • Rispondi
  • Antares
    Super Sposa Luglio 2019 Verona
    Antares ·
    • Segnala
    • Nascondi contenuto
    Visualizza messaggio citato
    Era più piccolo, dormiva ancora nel letto con le sbarre, lo allattavo, lo mettevo dentro e mi sedevo accanto a lui (alternandomi con mio marito, perché psicologicaente è pesante) accarezzandolo dicendogli frasi dolci e cercando di calmarlo,finché non crollata. Se si svegliava di notte lo allattavo per 15 minuti e poi lo mettevo nel lettino e ricominciavamo da capo. Non ti nego che i primi 2 giorni sono stati un incubo, ma è impressionante la velocità con cui ha imparato. Purtroppo a breve sarei tornata al lavoro e devo guidare anche per un bel tratto, non ce l'avrei mai fatta con 5-6 risvegli a notte.


    • Rispondi
  • Luana
    Sposa Master Settembre 2019 Torino
    Luana ·
    • Segnala
    • Nascondi contenuto
    Visualizza messaggio citato
    Grazie. Come hai fatto? Cosa dicevi? Lei va proprio in crisi profonda. Non riesce a capire il no per il seno. Urla e piange a più non posso 😮‍💨 potrei provare quando mio marito non c'è in modo da non svegliarlo.. ma non so nemmeno io da che parte iniziare 😭
    • Rispondi
  • Luana
    Sposa Master Settembre 2019 Torino
    Luana ·
    • Segnala
    • Nascondi contenuto
    Visualizza messaggio citato
    Ciao Didi, grazie. Sono proprio confusa perché lei griga e sembra non calmarsi con niente. Ciuccio e biberon anche qui neanche per sogno.
    Proverò piano piano a dirle che il seno va a nanna. Avevo visto anche un libro di Giorgia cozza ma guardando un po' sembra che aiuti a diminuire le poppate diurne e non quelle notturne perchè alla fine la bimba del libro si addormenta con il seno 😮‍💨 non so proprio come fare.
    • Rispondi
  • Luana
    Sposa Master Settembre 2019 Torino
    Luana ·
    • Segnala
    • Nascondi contenuto
    Visualizza messaggio citato
    Infatti la sento che non ciuccia ma si coccola solamente.. attualmente non accetta nulla e va in crisi mistica proprio urlando e facendosi mancare il respiro. Magari contatto una consulente
    • Rispondi
  • Erica
    Sposa TOP Giugno 2019 Vicenza
    Erica ·
    • Segnala
    • Nascondi contenuto
    Io ho smesso di allattare a 13 mesi e da un mesetto (ha fatto 2 anni a inizio aprile) gli abbiamo tolto il latte alla notte, perché si svegliava ogni ora.. prova a diminuire gradualmente, cercando di calmarla con le coccole, o facendole bere acqua.. le prime notti saranno un po’ difficili ma passa in fretta.. a quest’età non hanno più bisogno del latte alla notte..
    • Rispondi
  • D
    Sposa Abituale Settembre 2023 Milano
    Didi ✨ ·
    • Segnala
    • Nascondi contenuto
    Ciao, ho smesso di allattare mia figlia a 18 mesi proprio per questo motivo. Ero esausta, e anche allattarla mi stava cominciando a stare stretto. Conta che a me è sempre stato detto che smettendo di allattarla il suo sonno sarebbe migliorato ecc ecc e io non ci credevo assolutamente, perché tante ostetriche e consulenti dell’allattamento dicono il contrario. Quindi non è stato il motivo principale per cui ho deciso di smettere, proprio perché non avevo la certezza che avrebbe funzionato e a me sarebbe piaciuto allattarla fino ai due anni.
    Con mia figlia, invece, effettivamente smettere l’allattamento e spostarla nella sua cameretta (giá “dormiva” nel suo lettino, ma finché la allattavo era in camera nostra, quindi prima ho smesso di allattare, poi dopo un mese l’ho spostata nella sua camera) ha coinciso con sonni più ristoratori per tutti con pochissimi risvegli, fino ad azzerarli. Con questo non voglio dirti di smettere di allattare per avere la certezza che smettano anche i risvegli, ma se senti che potrebbe essere arrivato il momento di voltare pagina, ti dico che nella mia esperienza (e in quella di tante mamme) ha aiutato decisamente. Lei non ha nemmeno mai voluto il ciuccio nè ha mai preso il biberon quindi avevo davvero paura di togliere un “modo veloce e sicuro” di riaddormentarla, smettendo di allattare, ma davvero mi ero resa conto che io per lei ero principalmente “il seno” e poi, secondariamente, tutto il resto. Inoltre non ne potevo più di averla attaccata a ciucciare con tanta frequenza come succedeva (aveva avuto un periodo di regressione in cui era tornata a poppare come quando aveva meno di un anno). Pianti ovviamente ce ne sono stati, ma non l’ho mai lasciata disperarsi da sola. Sono sempre stata accanto a lei a consolarla e a farle sentire che la mamma c’era, sempre, solo senza il seno. I primi giorni sono stati molto duri, te lo confesso, ma già il terzo giorno è stata la svolta. In questo modo, inoltre, sono riuscita ad avere aiuto anche da mio marito coi suoi risvegli, perché a quel punto non ero più necessaria solo io per via del seno, ma è potuto andare anche lui a riaddormentarla.
    Quindi, se senti che è arrivato il momento di smettere l’allattamento, potresti anche avere il piacevole risvolto della riduzione dei risvegli. Se ancora non te la senti, puoi provare a cercare di riaddormentarla in altri modi che non siano darle il seno, magari spiegandole che la notte “il seno dorme e il latte torna la mattina” o qualcosa del genere….
    • Rispondi
  • Antares
    Super Sposa Luglio 2019 Verona
    Antares ·
    • Segnala
    • Nascondi contenuto
    Ciao. Ho avuto una situazione simile alla tua quando il bimbo aveva 14 mesi. Consigliata da una consulente del sonno, la soluzione è stata togliergli il seno la notte, perché sapeva riaddormentarsi solo ciucciando. Purtroppo non sono riuscita a evitare la fase del pianto, perché giustamente ha vissuto male il cambiamento, ma non lo abbiamo lasciato solo, siamo stati con lui e con infinita pazienza, in 3-4 notti si è abituato. Purtroppo senza questa forzatura il mio ritorno al lavoro sarebbe stato impossibile....
    • Rispondi

Hai votato . Scrivi un commento con i motivi della tua preferenza 👇

×

Gruppi generali

Ispirazione