COVID-19 Restiamo sempre al vostro fianco. Consulta il nostro Centro Assistenza.

C
Sposa Master Settembre 2019 Pordenone

Voi che fareste?

Chanty, il 27 Gennaio 2020 alle 10:08 Pubblicato in Future mamme 0 20
Salvato Salva
Rispondi
Ragazze vi chiedo un parere obbiettivo non dettato da quanto sia bella la gravidanza o da quanto sia grande il desiderio di un figlio ma solo come la vivreste voi...
Mi spiego.. ci siamo sposati a settembre, fino a qualche settimana fa non abbiamo parlato di figli nel senso che fanno parte del nostro programma di vita ma non ci siamo dati delle tempistiche (io scherzo dicendo dal primo giorno che ci siamo conosciuti “tra 10 anni” e ne sono passati 5 ma è sempre stato un modo per non mettere ansia a lui..). Succede che è un periodaccio al lavoro, turni che cambiano in continuazione e c’è li comunicano solo il sabato sera per la settimana successiva, poca armonia tra colleghi, gente trasferita in altri punti vendita il sabato per il lunedì senza preavviso.... insomma un caos per il quale io vorrei andarmene. Qui nasce la mia voglia di voler provare a cambiare lavoro nonostante un contratto a tempo indeterminato anche perché mio marito tra marzo e dicembre sarà quasi sempre via per lavoro perciò parlando anche con i nostri testimoni si diceva “per fare un figlio iniziamo a provarci da gennaio 2021”. Insomma sarebbe il periodo giusto per cambiare lavoro in questa fase statica in cui lui non ci sarà è sostanzialmente non abbiamo impegni.. inizialmente mio marito non diceva niente.. poi all’improvviso quando mi ha visto particolarmente stressata per il lavoro mi ha detto “a maggio ti metti in maternità perché con il contratto che hai ne hai diritto” ... vero però sarebbe anche vero che starei circa 6 mesi a casa da sola e secondo me la gravidanza è una cosa da vivere in 2.. ho cercato anche di spiegargli che comunque non è una cosa che decidi e subito succede.. e poi durante i rapporti usa il preservativo quindi ho l’idea che questa sua “richiesta” sia solo una cosa per farmi dissuadere dal licenziarmi (licenziamento che non avverrebbe finché non ho firmato una proposta di contratto da un’altra parte). Ragazze non so che fare 😭 ora questa settimana deve venirmi il ciclo e se poi a metà febbraio mi rifà questa richiesta?? Voi affrontereste una gravidanza da sole?? 😰 c’è anche da dire che io ho 34 anni e lui 39, forse è anche il momento giusto ma ho l’ansia che la sua sia solo una richiesta dettata dalla situazione lavorativa

20 Risposte

Ultime attività da EleMartina, il 27 Gennaio 2020 alle 14:02
  • E
    Sposa Saggia Settembre 2018 Napoli
    EleMartina ·
    • Segnala

    Ciao Chanty!

    ti racconto in breve la mia storia.

    Anche io, come te, mi sono trovata ad un punto lavorativamente parlando critico qualche anno fa. Lavoravo in un posto che non mi piaceva più, dove principalmente mancava il rispetto. Una sera a cena con mio marito (ai tempi ancora non eravamo sposati e neanche era in programma) viene fuori il discorso dei figli. Per me non era ancora una priorità, avrei preferito trovare un'altra occupazione ma, dentro di me, era nata l'idea di "sfruttare" la maternità in quel posto di lavoro per poi cercare altro nel frattempo.

    Neanche a farlo apposta, il mese dopo quella chiacchierata, ricevo una proposta di lavoro davvero interessante e dopo 3 colloqui, ASSUNTA! Mi hanno fatto un contratto a tempo determinato di un anno di prova (ovviamente abbiamo abbandonato l'idea figli). Alla fine dell'anno mi hanno confermata con l'indeterminato, dopo 9 mesi mi sono sposata e ora aspetto un bambino/a Smiley smile

    Quindi, diciamo che alla fine la vita va come deve andare ma è importante che tu sappia quali sono le tue priorità Smiley smile

    • Rispondi
  • Cristina
    Sposa VIP Settembre 2017 Varese
    Cristina ·
    • Segnala
    Ciao! Io ti dico la mia anche se la situazione era diversa... Io e mio marito parlavamo Già di cercare figli e quando al mio lavoro la situazione era diventata insostenibile ho iniziato la ricerca di un bebè proprio con la prospettiva una volta in maternità di cercare un altro lavoro.... Dopo 6 mesi di ricerca è arrivata la mia bimba e 2 mesi dopo la sua nascita ho fatto un concorso in ospedale dove ora sono in graduatoria e aspetto una loro chiamata... Nel frattempo ho finito la maternità e tra qualche giorno rientro al mio vecchio lavoro.... Questo x dirti che non avrei mai Lasciato un lavoro sicuro e rimandato la maternità ma ho preferito fare il contrario... Un lavoro diverso hai sempre tempo x cercartelo un figlio è meglio se lo fai quando hai la possibilità.... Ovviamente punti di vista... Però sono contenta di aver fatto questa scelta 😊 ora ho tutto il tempo che voglio x realizzarmi professionalmente senza l'ansia di rimandare le cose x un eventuale maternità...
    • Rispondi
  • Hope
    Sposa Precisa Settembre 2017 Salerno
    Hope ·
    • Segnala
    Ciao Chanty, il mio consiglio è quello di seguire il tuo istinto. Ti dico che noi abbiamo aspettato parecchio perché abbiamo entrambi lavori che ci portavano ad essere distanti,finalmente da qualche mese siamo riusciti ad avvicinarci e non era per niente una cosa scontata. Nonostante la lontananza a gennaio 2019 abbiamo iniziato la ricerca perché il nostro desiderio era troppo forte,avremmo in qualche modo superato anche la lontananza...intanto un anno dopo siamo ancora qui,finalmente viviamo insieme ma siamo ancora alla ricerca. Perciò non è detto che appena decidi arrivi subito (cosa che ti auguro di cuore),quello che ti consiglio è di non farti troppi progetti e troppe previsioni,vivitela al massimo e vedrai che quando lui/lei arriverà tutto passerà in secondo piano. Anch’io dovrei vivere la gravidanza quasi da sola perché mio marito comunque sarebbe spesso lontano per lavoro,quando sarà spero di star bene per poter continuare a lavorare così da impegnarmi le giornate...fà quello che il tuo cuore ti suggerisce! Ti abbraccio 🤗


    • Rispondi
  • S
    Super Sposa Settembre 2019 Treviso
    Sara ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato

    Figurati...mi sono ritrovata nella tua situazione lo scorso anno...perciò immagino bene lo smarrimento che può provocareSmiley kiss

    • Rispondi
  • C
    Sposa Master Settembre 2019 Pordenone
    Chanty ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Grazie Sara 😘😉
    • Rispondi
  • C
    Sposa Master Settembre 2019 Pordenone
    Chanty ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Probabilmente uno dei motivi che un po’ mi blocca verso la gravidanza è il rispetto che io ho verso la mia azienda anche se loro non ne hanno nei nostri confronti.. quando dissi che mi sposavo non abbiamo messo niente di scritto (come ti fanno fare alcune aziende) ma verbalmente ci fu una sorta di raccomandazione per la quale non avrei allargato subito la famiglia.. per quanto ognuno della propria vita è libero di fare quello che vuole dall’altra parte mi sento in qualche modo in debito quindi il fatto di restare ma palesargli una gravidanza, visti gli attuali problemi in azienda, mi fa stare con l’ansia che poi al rientro (tralasciando tutte le varie ed eventuali della gestione familiare) possano in qualche modo farmi qualche torto per costringermi ad andarmene (cosa già vista su altre colleghe).. insomma un caos dal quale non capisco se alla fine ne uscirò con un lavoro o meno🤦🏼‍♀️ Vuoi o non vuoi ci pensi anche troppo a come gestire tutto
    • Rispondi
  • Erica
    Sposa Saggia Ottobre 2019 Monza e Brianza
    Erica ·
    • Segnala

    Ciao Chanty, sono d'accordo con le ragazze e con Giusi in particolare. Io ho imparato una cosa dopo anni di continui tormenti e pensieri. Se aspetti la società non farai mai nulla per te, per la tua vita privata, il lavoro è importante certo, ma come hai detto hai 34 anni, è vero non sono 40, ma non ha senso precluderti l'opportunità di avere un bimbo per il lavoro. Io sono attualmente incinta e a ottobre ci hanno comunicato che la mia azienda è stata acquisita da un colosso e non sappiamo ancora nulla in merito, potrebbe essere che chiudano baracca e burattini oppure che ci dicano di andare tutti giù a Roma dove hanno la sede (opzione che non tengo nemmeno in considerazione), ma ho smesso di tormentarmi. Se avessi ragionato come qualche tempo fa non sarei incinta in questo momento mi sarei data da fare come te a cercare un altro lavoro. Invece sono sempre più convinta di aver fatto al scelta giusta, il lavoro arriverà. Ti dico anche che a me viene il vomito tutte le mattine a venire in questa azienda perchè con diversi miei colleghi c'è un rapporto e un'atmosfera davvero non salutare. Per quanto riguarda tuo marito, come dice Sara, non sarà mica via tutti i mesi no stop spero.....Ergo, secondo me, devi proprio valutare se l'opzione bambino in questo momento è quella che vuoi senza lasciarti influenzare dalle altre cose di contorno.

    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Maggio 2019 Milano
    Sognatrice ·
    • Segnala
    Ciao, il mio consiglio è di cercarlo subito perché purtroppo non si può mai sapere quanto lunga sarà la ricerca. Il lavoro di tuo marito credo sia sempre soggetto a possibili missioni lontano da casa, quindi non so se avrete mai la certezza che non possa più essere trasferito. Per quanto riguarda la tua situazione lavorativa io personalmente non cambierei lavoro per poi iniziare a cercare subito un figlio perché (seppur vero che magari potresti metterci molto tempo ad ottenere una gravidanza, ovviamente mi auguro di no perché so personalmente quanto è doloroso) io non mi sentirei corretta nei confronti dell'azienda ad entrare ed eventualmente andare in maternità poco dopo, non è da persone serie (proprio questi atteggiamenti rendono difficile cambiare lavoro in donne sulla trentina, perché fintanto che le persone sono poche rispettose nei confronti di un'azienda, tanto l'azienda sarà sempre dubbiosa sull'assumere una donna) e probabilmente non saresti neanche ben vista, quindi comunque potresti bruciarti subito sul nuovo lavoro. Capisco che al momento non sei soddisfatta ma devi capire tu cosa è più importante per te in questo preciso momento: lavoro o famiglia? Secondo me un lavoro si può sempre cambiare, anche con un figlio, mentre la ricerca è influenzata da fattori che non puoi determinare tu: tempo di ricerca, andamento della gravidanza, ecc.
    • Rispondi
  • Valentina
    Sposa Master Giugno 2014 Bergamo
    Valentina ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Io sarò una mamma lavoratrice sui turni compresi festivi e notte (turni di 7 e 10 ore), non sono ancora rientrata al lavoro perché ho avuto due gravidanze ravvicinate ma il pensiero del rientro al lavoro non mi abbandona nonostante manchi un bel po', la paura é quella di riuscire a trovare un nuovo equilibrio organizzativo. Molte mie colleghe sono mamme e riescono a gestirsi, alcune mi hanno sempre detto che con i turni hai più tempo libero rispetto al lavoro di giornata. Io ripeto, proverei a guardarmi in giro, a fare più colloqui possibili in questo periodo di "stasi" in modo tale da capire come funziona e l'offerta. Capire orari, stipendio e tipologia di contratto. Solo così ti renderai conto se é meglio cambiare adesso o dopo la nascita di un figlio, immediatamente dopo penso sia un po' più complicato con le 6 h di allattamento, magari dovrai portare un po' più di pazienza inizialmente e con calma poi cercare.
    Anche io ho sempre avuto la paura innata, penso da quando ho memoria, di non riuscire ad avere figli o comunque di fare fatica. Verso i 13-14 anni ebbi problemi di cisti ovariche, i miei genitori mi portavano a fare continue visite e ricordo vagamente che in una di queste un ginecologo mi disse che avrei avuto difficoltà ad avere figli. Il primo é arrivato dopo una lunga ricerca dove a noi non era stato riscontrato nessun problema mentre il secondo al secondo colpo. Stai tranquilla, non portarti troppo avanti con pensieri che contribuiscono solo a mettere ansia e quando arrivano... Sposta il pensiero su argomenti che ti appassionano e che ti fanno stare bene.

    • Rispondi
  • S
    Super Sposa Settembre 2019 Treviso
    Sara ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato

    Mi sembra di leggere un pò della mia situazione tra le tue righe...e mi spiace... capisco la tua indecisione... non che sia contraria a baby sitter e asili (anche perchè ci lavoro pure.......) ma sono la prima a dire che i bimbi hanno bisogno di stare coi genitori ..specie quando sono piccolini. Ti direi allora di aspettare tempi migliori, anche se parlando con sincerità se stiamo a guardare i dettagli sembra che il momento adatto per avere un figlio non ci sia mai: una volta a causa del lavoro, poi i soldi, poi la salute, poi la casa, poi eventi esterni...

    Penso che tu debba andare secondo istinto e valutare però bene i pro e contro. Se non ti senti pronta avere un figlio adesso non penso sarebbe facile... ma non è certo nemmeno questo al 100%. C' è chi (compresa me) quando si rende conto che diventerà mamma ha una felicità dentro che ti fa scordare i problemi e i dubbi... ma non siamo tutti uguali. Se hai bisogno scrivimi pure! (siamo anche relativamente vicine di casaSmiley smile )

    • Rispondi
  • Daniela
    Sposa Master Ottobre 2015 Roma
    Daniela ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato

    Sai che c'è, le tue riflessioni sono più che giuste, e fai bene a guardarla in prospettiva futura, ovviamente, però neanche fasciarsi la testa prima di romperla è bene, e per certi versi il "si vedrà" non è completamente assurdo. Sai già che con un figlio non potrai mantenere il lavoro? Pensi di doverti licenziare? Dovrete trasferirvi per il lavoro di tuo marito?

    Quello che non riesco a capire dal tuo post, è quale sia per te la priorità: provare a cambiare a lavoro o fare un figlio? Purtroppo noi non possiamo dirti cosa sia meglio fare, dovete capirlo voi cosa è meglio per la vostra situazione.

    Detto questo, come ti ha detto qualcun altro, per me condizione per fare un figlio è una situazione economica e familiare il più stabile possibile. Però ovviamente la stabilità non è mai una cosa certa e definitiva, le carte in tavola purtroppo possono sempre cambiare, ma bisognerebbe almeno provare ad avere la situazione migliore, sapendo poi di potersi adattare in caso le cose cambino.

    Insomma, per me su questo dovete fare chiarezza, obiettivi per il futuro e desideri. Anche perché se come dici sei stressata per il lavoro e non sai bene cosa vuoi fare, non mi sembra la situazione ideale per decidere di fare un figlio. Diverso ovviamente il discorso se al momento è questa la tua priorità e sei solo preoccupata per il futuro e la gestione dei figli (cosa più che comprensibile, ma a cui c'è sempre un rimedio e insieme a tuo marito troverete una soluzione).

    Noi non possiamo dirti se è meglio fare un figlio ora o aspettare, io posso dirti che se volessi cambiare lavoro, prima mi concentrerei su questo, e in seguito proverei a fare un figlio, ma non è detto che quello che vale per me, valga anche nel tuo caso. Spero di essermi spiegata Smiley smile

    • Rispondi
  • C
    Sposa Master Settembre 2019 Pordenone
    Chanty ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Io qui ho mia nonna (che mi ha cresciuto) che però ha l’alzhimer e mia madre che non si è mai interessata, che comunque lavora e ora è presa dalla situazione di mia nonna perciò il mio unico aiuto sarebbero asili e baby sitter anche in funzione di quanto potrebbe aggravarsi mia nonna.. i miei suoceri vivono a 500km da qua.. ho le mie testimoni di cui di una il marito è collega del mio e quindi partiranno insieme ma ha un bimbo di 3 anni e ha il suo da fare. Sicuramente troverebbe il tempo di accompagnarmi alle visite ma comunque, considerando che la gravidanza è una cosa su cui non si può sapere in anticipo se andrà o meno e in che tempi, penso che se dovessimo provarci in questi mesi e ad ora di maggio non fossi incinta dovremmo fermare tutto per 6 mesi e booo non so sinceramente come reagirei.. di base purtroppo sono abituata alle situazioni di forte delusione per l’infanzia che ho avuto e quindi considerato lo stress psicologico del lavoro ho paura di abbattermi troppo... per abitudine tendo a focalizzarmi sul dopo tipo “e se succede che..” e non a vivere il momento. Credo che in generale sia una situazione da vivere con la serenità più assoluta e non mi sento così serena.
    • Rispondi
  • S
    Super Sposa Settembre 2019 Treviso
    Sara ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato

    Mannaggia Chanty, perdonami non avevo capito fosse militare... ora capisco la situazione! io ora come ora ti direi di provarci lo stesso, poi non so se tu hai famiglia ecc qui o sei sola...in caso avessi bisogno di una persona che ti accompagna anche solo per fare le visite. Però ovviamente sta a te decidere, sei tu che sarai sola a casa a gestire una gravidanza con tutto quello che comporta! e mettervi proprio a tavolino e valutare i pro e i contro?

    • Rispondi
  • C
    Sposa Master Settembre 2019 Pordenone
    Chanty ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Sono consapevole di cosa implica un figlio, non cambierei lavoro in gravidanza ma potrei trovarmi in ogni caso costretta a licenziarmi (nel caso di un trasferimento nell’immediato o nel caso di un figlio per diverse concause su cui l’azienda per cui lavoro non mi verrebbe incontro tipo orario part time e permessi). Purtroppo probabilmente penso troppo avanti io e mi vedo a dover gestire periodi di sua assenza tra orario full time e asili/baby sitter con un’azienda che non aiuta. Lui invece ragiona in parte sul “si vedrà” e in parte con la paura che per l’età che ho non mi assuma nessuno.. sono stressata dalla situazione lavorativa e non riesco a far capire con lui cosa sia giusto fare perciò cercavo un parere più obbiettivo del nostro.
    • Rispondi
  • C
    Sposa Master Settembre 2019 Pordenone
    Chanty ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Sono sinceramente combattuta perché far passare ancora diversi mesi potrebbe voler dire perdere l’occasione di cambiare lavoro adesso e trovarmi poi a dovermi licenziare dopo la nascita per incompatibilità di orari e gestione familiare come hanno già fatto diverse mie colleghe.. la sua paura è quella che data l‘età non mi assuma nessuno ma sicuramente sarà ancora più difficile con un figlio a carico.. ho desiderato per tanto tempo un figlio e ora mi sembra tutto così forzato.. per non parlare dell’incubo che ho sempre avuto fin da ragazzina (e non so da dove sia psicologicamente nato) di provarci e non avere risultati..
    • Rispondi
  • Daniela
    Sposa Master Ottobre 2015 Roma
    Daniela ·
    • Segnala

    Scusami, ma dovete parlarne apertamente e in maniera schietta, sia della questione figli che della questione lavoro, questo per come l'hai raccontato non mi sembra un modo maturo per prendere delle decisioni.

    Partiamo da te, tu cosa vuoi fare? Vuoi aspettare? Vuoi iniziare a provarci? Vuoi cambiare lavoro? Decidi qual è la tua priorità e poi parla con tuo marito.

    Detto questo, iniziare a provarci non vuol dire nulla. Potreste iniziare domani ad avere rapporti non protetti, e comunque impiegare anche mesi, o anni. Oppure riuscire al primo colpo, questo non si può stabilire in anticipo. Ovviamente, poi se tu desideri cambiare lavoro, farlo in gravidanza o in maternità potrebbe essere abbastanza complicato.

    Insomma, direi che dovete fare chiarezza e soprattutto parlarvi con onestà, dire "a maggio sei in maternità" mi sembra una cosa priva di senso, onestamente.

    Sul discorso del vivere la gravidanza insieme, ovviamente è chiaro che sarebbe auspicabile (anche perché magari potresti aver bisogno di aiuto, avere una gravidanza a rischio ecc.), però è anche vero che nella vita non si può mai sapere, e anche qui riuscire a pianificare tutto non è mai facile.

    • Rispondi
  • C
    Sposa Master Settembre 2019 Pordenone
    Chanty ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Lui è militare e deve andare in missione, sarà in Europa con la possibilità di tornare a volte nel week end ma i biglietti aerei già costano 400€ non può già prenotarli perché ancora non sa che attività avrà e quali saranno i week end liberi quindi i prezzi ora di maggio si alzeranno e comunque io il sabato lavoro tutto il giorno perciò non avrebbe senso fare le corse si è giù in aeroporto perché sia a casa 24 ore.. sono combattuta perché non so nemmeno io se sia il momento giusto per provarci e sopratutto secondo me non focalizza cosa vuol dire avere un figlio.. ti cambia la vita ma non credo se ne renda conto
    • Rispondi
  • Valentina
    Sposa Master Giugno 2014 Bergamo
    Valentina ·
    • Segnala
    Ciao, per me la stabilità economica e nel mio caso di conseguenza lavorativa é un must per avere un figlio, senza é impensabile e mi rendo conto avendone uno che le spese sono tante, é relativo il discorso dove si mangia in due si mangia anche in tre, questo discorso non é proprio così valido per vacanze, vestiti, farmaci, prodotti vari, attività, sport,... Il lavoro influenza anche dal punto di vista psicologico perché alla fine, considerando un full time, si trascorre molto tempo al lavoro. Probabilmente tuo marito é preoccupato per la questione "stabilità" che effettivamente é garantita dal tempo indeterminato. Provo a guardarti in giro lavorativamente parlando, facendo colloqui capirai anche la tipologia di offerte in termini di contratto. Secondo me é un pó più complicato ricercare un nuovo lavoro da mamma. Io procederei in questo modo considerando l'aspetto psicologico legato al lavoro parlandone sinceramente con tuo marito dicendogli tutte le tue perplessità. Per la questione figli bisogna essere pienamente d'accordo in due, io vedo più dura la gestione di un figlio completamente da sola piuttosto che la gravidanza vissuta "da sola" soprattutto la prima perché si ha molto tempo da dedicare a sé stessi e all'arrivo del piccolo/a. Comunque io cercavo da tanto un figlio e avevo problemi sul lavoro, mi hanno cambiato il reparto e dopo un mese sono rimasta incinta.
    • Rispondi
  • Giusi
    Sposa TOP Agosto 2018 Vibo Valentia
    Giusi ·
    • Segnala
    Cara. Ti parlo con il cuore in mano. Noi ci proviamo da un anno e mezzo e ancora nulla. Io non lavoro al momento e mio marito è un insegnante precario. Viviamo a 1000 km di distanza dalle nostre famiglie, con casa in affitto ma, mai per un solo istante abbiamo pensato di aspettare ulteriormente per una ricerca di gravidanza. Io ho 31 anni e mio marito 45. La cosa fondamentale da chiedervi è se effettivamente desiderate questo figlio. Se è si allora provateci. Altrimenti fatelo quando vi sentirete realmente pronti.
    • Rispondi
  • S
    Super Sposa Settembre 2019 Treviso
    Sara ·
    • Segnala

    Ciao cara, perdonami ma 6 mesi da sola ' come mai dici? starà proprio via in modo continuato?... io direi di no, cioè la gravidanza andrebbe vissuta insieme... però sarei anche io combattuta. In questo momento io e mio marito cerchiamo un figlio e se lui mi dicesse che deve partire per lavoro non credo la cosa mi fermerebbe...magari cercherei di capire se è possibile vederci più spesso, fare trasferta con lui o altri modi, avere vicino la famiglia ecc ecc. Anche perchè (ovviamente io ti auguro il contrario) la gravidanza a volte ci mette mesi, anni per arrivare...fermarsi 6 mesi o più sarebbe per me tantissimo... Ma ti parlo dal mio punto di vista (io ho 35 anni). Spero di averti aiutata in qualche modo o averti dato uno spunto in più per ragionarci. Un bacione

    • Rispondi

Hai votato . Scrivi un commento con i motivi della tua preferenza 👇

×