S
Sposa Abituale Aprile 2018 Napoli

Scuola ai tempi del covid

Stephania, il 18 Settembre 2020 alle 00:21 Pubblicato in Future mamme 0 37
Salvato
Rispondi
Buonasera ragazze, manca poco(nella nostra regione)all inizio dell anno scolastico.

Mia figlia deve iniziare proprio quest anno la scuola dell infanzia ma mio marito ed io siamo in disaccordo per la situazione d emergenza che viviamo.
Io sono casalinga ma ci tenevo che mia figlia iniziasse la scuola per farla socializzare, mio marito sostiene che non è momento di pensare a ciò ma alla salute. Inoltre se dovessimo andare in quarantena, per lui sarebbe a rischio il posto di lavoro.La scuola per di più non mi riceve e continua a rimandarmi al sito dove non trovo info.Voci di corridoio sostengono che i bambini, giustamente cosi piccoli, non mantengono la distanza tra loro, i ritmi sono poco liberi perché sono vincolati a orari pure andare al bagno, i giochi ovviamente sono comuni.Insomma "saremmo" a meno 10 circa dall inizio e siamo ancora in alto mare.Temo che un impatto negativo se lo porti cucito addosso a vita e possa pregiudicare iil suo futuro scolastico.Premetto che mia figlia, conosce già tutti i numeri e l alfabeto scritto e parlato.Voi cosa avete deciso e cosa mi consigliate?

37 Risposte

Ultime attività da Fede, il 24 Settembre 2020 alle 19:33
  • F
    Super Sposa Maggio 2018 Lecco
    Fede ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Speriamo!!!
    • Rispondi
  • Silvia
    Sposa VIP Giugno 2018 Rovigo
    Silvia ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Esattamente! RISPETTO che dovrebbe essere alla base di qualsiasi cosa.
    Chissà che questa situazione, per quanto negativa, difficile e surreale sia, ci lasci qualcosa di buono.
    • Rispondi
  • F
    Super Sposa Maggio 2018 Lecco
    Fede ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Standing ovation x te!
    Menomale che qualche genitore lo dice. Sai quanti che Tachipirina e te lo portano a scuola e quando svanisce l'effetto 39 di febbre?! Poi però sonoe maestre cattive.....se un bambino non sta bene sta a casa, Covid o non Covid. Si chiama rispetto in primis x il bambino stesso, poi x gli altri e x le maestre.
    • Rispondi
  • Silvia
    Sposa VIP Giugno 2018 Rovigo
    Silvia ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Già, dobbiamo adattarci alla situazione, ma non per questo smettere di vivere. E poi, diciamolo chiaramente, covid o non covid era ora che questi bambini con raffreddore o febbre rimanessero a casa, almeno per i primi giorni, così da rompere questa infinita catena di contagi. È altresì vero che il mondo del lavoro non si è ancora adeguato alle nuove esigenze dei genitori, ma la salute di mio figlio viene prima di tutto. Un paio di giorni resto a casa io, un paio mio marito e nel frattempo il piccolo sta sempre meglio. È così difficile?


    • Rispondi
  • F
    Super Sposa Maggio 2018 Lecco
    Fede ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Brava.... purtroppo questo Covid ha condizionato le nostre vite e ahimè credo che le condizionerà ancora x un bel po'. Ma purtroppo la vita va avanti e dobbiamo imparare a conviverci e a mettere in atto tutte le misure di prevenzione.
    Io ho partorito con la mascherina in pieno Covid....non è stato x niente facile, ma purtroppo questa è la situazione...
    • Rispondi
  • Daniela
    Sposa VIP Giugno 2014 Milano
    Daniela ·
    • Segnala
    I miei bimbi hanno incominciato il 7 settembre la materna, con tutte le precauzioni del caso ovviamente.La mia bimba più grande ha sofferto tantissimo durante la chiusura forzata,gli mancavano i suoi amici, le maestre....non vedeva l’ora di iniziare...non possiamo tenerli chiusi in una campana di vetro, devono stare con i loro coetanei.Anche il piccolo ci va veramente volentieri, e io sono molto felice che finalmente possano vivere la loro quotidianità .
    Detto questo, ovviamente devi ponderare bene la decisione, in bocca al lupo 👍
    • Rispondi
  • Silvia
    Sposa VIP Giugno 2018 Rovigo
    Silvia ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Non sono insegnante ma condivido ogni tua parola!
    Mio figlio ha 2 anni e mezzo, ore covid ero convintissima di iscriverlo all'asilo, durante il lockdown non volevo assolutamente, ma col passare dei mesi vedevo in lui crescere la necessità di interagire con i suoi coetanei.
    Ha iniziato l'asilo il 14 settembre, di certo non l'ho mandato a cuore leggero per via dei contagi che comunque sono ancora tanti, però noi genitori lavoriamo e usciamo tutti i giorni, perché provare lui di un'esperienza a mio parere fondamentale per la sua crescita e vita? Dovremmo rimanere a casa tutti per evitare realmente qualsiasi rischio.Non facciamo l'errore di emarginare i nostri figli, hanno bisogno quanto noi adulti di vivere la comunità.
    • Rispondi
  • F
    Super Sposa Maggio 2018 Lecco
    Fede ·
    • Segnala
    Ciao! Sono un'insegnante di scuola dell'infanzia. Spero di chiarirti qualche dubbio con la mia risposta. Innanzitutto ti dico che non è importante a 3 anni conoscere i numeri e l'alfabeto...a 3 anni i bimbi vanno a scuola per giocare, per imparare a socializzare e a rispettare le regole del vivere in comunità. L'istruzione inizia a 6 anni in prima elementare!
    Ma questa è solo una piccola parentesi.
    Distanziamento sociale: ovviamente non è previsto nella scuola dell'infanzia: sfido chiunque a tenere lontani 1 metro due bambini...ed è anche diseducativo..quello che è stato fatto (almeno nelle scuole della mia zona) è diminuire il numero dei bambini x ogni classe. Inoltre ci sono protocolli rigidi da seguire x la sanificazione di spazi e giochi e x limitare al minimo i contatti (es: ogni classe ha il proprio spazio e i bimbi di classi diverse praticamente non si incontrano mai). Il mio bimbo ha solo 5 mesi e mezzo e per fortuna ora non ho il problema della scuola. Capisco benissimo le ansie x la paura del contagio, ma non possiamo nemmeno tenere i bimbi sotto la campana di vetro e provarli del diritto di andare a scuola. È vero che la scuola dell'infanzia non è scuola dell'obbligo, però è un'esperienza importante per o bambini.
    • Rispondi
  • P
    Super Sposa Settembre 2017 Catania
    Patrizia ·
    • Segnala
    Da noi la scuola dell infanzia ancora non è iniziata, perché ritengono che non c sono i presupposti per mantenere le distanze e tutto ciò che dice l emandamento per lo stato di emergenza. Mio figlio ancora ha 18 mesi! Ma francamente aspetterei che c sia più certezza. Di me non importa(relativo! Perché siamo figure importanti per i nostri figli) ma se si ammalasse mio figlio non potrei perdonarmelo!ovviamente è solo un mio pensiero. Tu fai ciò che più ritieni.
    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Aprile 2018 Napoli
    Stephania ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Scusa mi è partito il messaggio.
    Purtroppo c e chi al sentire che siamo indecisi se farle iniziare la scuola o no, mi risponde che sono io troppo mamma chioccia in realtà l unico vero motivo che ci trattiene è la situazione attuale.
    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Aprile 2018 Napoli
    Stephania ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Wow sei veramente incoraggiante, mi fa piacere leggerlo.


    Purtroppo a me prende un po anche il senso di colpa, perché appena pronunciò "siamo un po indecisi se farle iniziare la scuola"(senza entrare nei dettagli)c e chi mo fissa
    • Rispondi
  • Semele
    Super Sposa Maggio 2019 Roma
    Semele ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato

    Infatti molto probabilmente ci saranno momenti di panico se dovesse ammalarsi qualche bambino di normale influenza, ma tutto sommato si starebbe qualche giorno a casa in attesa di tampone, e poi se è negativo, tornerebbe tutto nella norma...

    Forse una delle cose più responsabili che possiamo fare è vaccinarci contro l'influenza stagionale, in modo almeno da diminuire questi casi di "falso allarme"...

    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Aprile 2018 Napoli
    Stephania ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Grazie semele, sei stata molto esauriente!
    Forse la decisione sta diventando (ancor piu)difficile perché siamo in disaccordo mio marito ed io, altrimenti sarebb stato più semplice.
    Amici e conoscenti, chi ha preferito tenerli a casa,(ovviamente chi ha potuto),chi deciso di mandarli con la speranza che vada bene..anche se molti hanno preannunciato "un allarme al caos(non al covid) non appena scatterà l influenza.
    • Rispondi
  • Semele
    Super Sposa Maggio 2019 Roma
    Semele ·
    • Segnala

    Ciao Stephania, anche io concordo che è una decisione molto personale e che alla fine non c'è una risposta unica giusta o sbagliata...

    Io fossi in te la manderei, perché secondo me imparare a interagire con i coetanei e con l'ambiente scolastico è una tappa fondamentale per lo sviluppo del bambino. Io ho bellissimi ricordi della materna e secondo me è un periodo formativo importante. Una mia amica che non l'ha fatta aveva molti più problemi a socializzare all'inizio delle elementari. Certo la tua intenzione non è di fargliela saltare del tutto ma solo di ritardare di un anno, ma pensa che per tua figlia un anno è un periodo lunghissimo di crescita e scoperta.

    E' vero che questo per voi come famiglia aumenta leggermente la possibilità di ammalarvi, ma non poi così tanto perché da quanto capisco comunque la bambina comunque gioca con altri bambini e tuo marito ha rapporti con clienti e colleghi, quindi non è che state completamente isolati. Se aveste avuto delle problematiche di salute forse l'idea di non mandarla l'avrei capita di più, ma alla fine secondo me il rischio che vi dobbiate fare la quarantena non è così elevata, infatti la casistica è questa:

    - se si ammala un bimbo nella classe di tua figlia, lei dovrà stare in quarantena e fare il tampone, ma tuo marito potrà andare a lavoro

    - se tua figlia ha sintomi dovrà fare il tampone e stare a casa, ma tuo marito no e potrà andare a lavoro (cercando di stare a distanza da tua figlia nei due giorni di attesa del risultato del tampone). Questo vale sia che tua figlia vada a scuola che se non ci va, quindi se si prende una febbre quest'anno per qualsiasi motivo dovrebbe fare tampone e stare a casa...

    - se tua figlia dovesse risultare positiva, solo in quel caso tuo marito dovrebbe fare il tampone e rimanere a casa, ma solo i due o tre giorni necessari per avere l'esito del tampone, e sarebbero giorni coperti da malattia. Se lui risultasse negativo e tua figlia positiva, dovrebbero cercare di non stare a contatto, ma lui sarebbe libero di andare a lavoro

    - solo se tuo marito risultasse anche lui positivo dovrebbe rimanere a casa a lungo, ma ricorda che si potrebbe ammalare molto più facilmente a lavoro che dalla bimba. Cercate di essere attenti a casa in modo che se la bimba si ammala avete già un "sistema" in modo che tuo marito possa stare isolato da lei ed eventualmente da te se stai con la bimba per prendertene cura....

    - la questione del congedo al 50% vale solo nel caso di genitori negativi che hanno necessità di stare a casa a curare figli positivi o in quarantena, ma nel vostro caso non servirebbe perché se tu sei casalinga ci potresti stare tu con la bimba....

    • Rispondi
  • Amida
    Super Sposa Settembre 2018 Hlavni Mesto Praha
    Amida ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Wow che bella relazione, anche noi facciamo spesso 'finta', si vede che alle nostre bambine piace imitarci. Comunque nel paese dove abito grazie ai bonus maternità quasi nessun bambino va all'asilo nido, in molti iniziano addirittura a 6 anni la scuola. Non vi sono neanche scuole per i bambini sotto i 2 anni(sono rarissime). Ho sempre incontrato bambini gentilissimi, sempre pronti a scambiare giocattoli, sempre gentili e sociali. È dove hanno imparato ad essere sociali e generosi senza scuola? Lo hanno imparato dalla mamma e dall'educazione in famiglia Smiley laugh
    • Rispondi
  • Emanuela
    Sposa VIP Luglio 2016 Milano
    Emanuela ·
    • Segnala
    Eh... la decisione e’ molto personale..
    Capisco la preoccupazione di tuo marito se rischia il posto per un’assenza e se la bimba si ammalerà qualche giorno dovrà per forza assentarsi pure tuo marito in attesa del tampone. Magari informati quali sono i tempi di attesa per l’esito del tampone negli ospedali vicino casa tua perché io ho sentito che ora in 24/48 ore arriva il risultato. Stamattina una mia amica ha dovuto fare il tampone alla bimba che aveva febbre probabilmente perché stava mettendo i denti. In attesa dell’esito sono tutti in quarantena però la notizia bella e’ che l’esito arriverà velocemente. Comunque se inizierà la scuola il prossimo anno non avrà grandi traumi. Comunque sento amiche che hanno mandato i bambini alle scuole che non ci sono più giochi condivisi e ognuno deve portare i suoi pennarelli e il suo materiale.. ci sono ingressi scaglionati.. insomma le precauzioni che stanno prendendo sono molte! Io la mia ho deciso di non mandarla ma ha 2 anni. Se ne avesse avuti tre sarei stata anche io in difficoltà ma poi alla fine probabilmente l’avrei mandata.
    • Rispondi
  • Roberta
    Super Sposa Luglio 2014 Pavia
    Roberta ·
    • Segnala
    Ciao Stephania, mia figlia ha ripreso ad andare alla materna da circa una settimana. Frequenta il terzo anno. Io e mio marito riteniamo che la scuola sia fondamentale. I bambini DEVONO tornare a vivere la loro quotidianità con i loro coetanei, devono tornare ad avere una routine, devono poter continuare la loro formazione nonostante all'asilo si giochi molto. Noi siamo molto felici che nostra figlia sia tornata a scuola. È vero che purtroppo la distanza dagli altri bimbi non può essere garantita ma ti assicuro che vengono rispettate tutte le regole per poter garantire la massima sicurezza ai piccoli. Il mio consiglio è quindi quello di mandarla e di stare tranquilla.
    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Aprile 2018 Napoli
    Stephania ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Nadra, ti ringrazio, un punto di vista dall interno aiuta a capire meglio lo stato di emergenza in cui siamo.
    Purtroppo ho sentito di altre classi messe in quarantena per cui credo che a questo punto ci sia poco da valutare.

    • Rispondi
  • Johanna
    Sposa VIP Luglio 2017 Torino
    Johanna ·
    • Segnala
    Io mio figlio non lo manderei all'asilo in queste condizioni.. Ma io sono un'infermiera di pronto soccorso e rianimazione covid quindi forse ho tanta paura per quello.. Penso però che un bambino non abbia tutta questa necessità dell'asilo.. In condizioni normali aiuta magari lo sviluppo ma ora io non penso che il gioco valga la candela... a maggior ragione se tuo marito rischia il lavoro.. Quest'anno prima o dopo io credo che tutte le classi verranno messe in quarantena.. Piano piano aebo un positivo ci sarà.
    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Aprile 2018 Napoli
    Stephania ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Si spero in una riunione per chiarire ogni dubbio.
    • Rispondi
  • Cristina
    Sposa VIP Giugno 2016 Treviso
    Cristina ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Guarda può essere che facciano una riunione appena avranno chiaro il tutto. Tipo noi l'hanno fatta qualche giorno prima...fino ad una settimana prima non sapevamo nulla ma poi ci hanno spiegato tutto molto bene😊per la quarantena vi capisco perché é un caos anche però nostri lavori però alla fine non si parla di poco tpo...dovremo convivere per un pò con questa situazione e il rischio l'avremo avuto anche incontrando parenti o amici che hanno figli a scuola
    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Aprile 2018 Napoli
    Stephania ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Si e vero, se non si prova non si può avere una certezza. Ma anche il fatto che la scuola non da segnali, mi spiazza.
    • Rispondi
  • Cristina
    Sposa VIP Giugno 2016 Treviso
    Cristina ·
    • Segnala
    Ciao anche mio figlio più grande il 14 settembre ha iniziato la materna. Io sono a casa anche con il fratellino e all'inizio avevamo pensato di tenerlo a casa. Lui però é sempre stato solo con me e sarebbe anche stato l'unico della sua "classe " a non iniziare. Quindi abbiamo deciso di provare sotto consiglio anche della pediatra che ci ha confermato che l'asilo é molto importante e di valutare passo dopo passo. Che dire abbiamo concluso la pra settimana e lo manderei altre cento volte. Lui dopo giorni di pianti per staccarsi da me ora é sereno, gioca in autonomia, fa lavoretti a casa é sereno e mangia ogni cosa. Tutte cose che ora aveva difficoltà a fare. Secondo me é giusto provare nonostante l'ansia e la situazione
    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Aprile 2018 Napoli
    Stephania ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Amida, no mia figlia non soffre stando in casa con me, considera che è figlia unica e i cuginetti sono in un altro paese.
    In questo momento mentre cucino lei e vicino a me e giochiamo di essere in un ristorante e prepara le sue pietanze 😅. Cerco di unire l utile al dilettevole coinvolgendola in modo che non si senta sola.
    I pomeriggi e quasi sempre in compagnia di bambini.Purtroppo ogni giorno i tg non danno notizie molto incoraggianti e anche mia cugina mi ha informata che nella scuola elementare dei suoi figli,(in un altra regionr), ci sono diverse classi in quarantena.Sto cercando di contattare la scuola Ma niente, non risponde nessuno.
    • Rispondi
  • Amida
    Super Sposa Settembre 2018 Hlavni Mesto Praha
    Amida ·
    • Segnala

    Ciao Stephania,in italia e all'estero molte scuole stanno chiudendo. Conosco delle famiglie che lavorano in proprio, come nel tuo caso non possono permettersi altri 14 giorni di quarantena e i bambini li hanno tenuti a casa. Oggi la mia pediatra è stata contattata perché una bambina di 18 mesi è risultata positiva(l'unica positiva nella sua famiglia).
    Come hai detto anche restando a casa con la mamma che se ne prende cura i bambini vengono lo stesso istruiti. Tua figlia soffre immensamente senza contatti sociali? Oppure è felice di restare a casa con te?
    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Aprile 2018 Napoli
    Stephania ·
    • Segnala
    Stefy, si mio marito è a contatto con tante persone per cui si corre il rischio che sia lui ad infettare noi! Pero il lavoro è lavoro per cui con tutte le dovute precauzioni, bisogna andarci.
    Il punto è che se sul posto di lavoro se ne "ammalasse" uno, iniziarebbero tamponi a tappeto e se dovesse scattare la quarantena per tutti e beh, sarebbe un problema gigante.
    Sul fatto che i bambini si ammalano di più o meno a scuola, credo anch io dipenda molto dal bambino.
    Sarà la mia idea è vicina a quelle delle tue amiche. Essendo una materna, potrei non forzare nell uno ne l altro caso.
    • Rispondi
  • A
    Super Sposa Luglio 2017 Varese
    Ambra ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Si il problema che la teoria è molto bella; però poi nella pratica bisogna vedere le imprese come agiscono
    Se in media un bambino all’asilo ci va 1 settimana si e 10 gg no, non so io quante malattie e congedi retribuiti ti danno in un anno ..
    Poi non so magari io sono molto pessimista
    • Rispondi
  • Pala
    Sposa Master Maggio 2015 Milano
    Pala ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato

    Con il bambino in quarantena si può richiedere lo smartworking (se il lavoro lo consente) o esiste un apposito congedo retribuito al 50%.

    Hanno da poco firmato il decreto.

    • Rispondi
  • Stefy
    Sposa Master Maggio 2018 Bergamo
    Stefy ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato

    Non è automatico, ma credo che se vai dal tuo medico di base e spieghi che dovrai assentarti per stare in quarantena ti possa dare la malattia!

    • Rispondi
  • A
    Super Sposa Luglio 2017 Varese
    Ambra ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato
    Ciao Stefy, ma ti danno veramente la malattia in caso di quarantena di tuo figlio all’asilo ? Non mi è molto chiara questa cosa
    • Rispondi
  • Stefy
    Sposa Master Maggio 2018 Bergamo
    Stefy ·
    • Segnala
    Visualizza messaggio citato

    Ciao Stephania, capisco la situazione, ma ripeto credo che il rischio che corre tuo marito sia indipendente dal fatto che la tua bambina frequenti o meno la scuola. Il rischio c'è perchè siamo ancora in emergenza e il virus è ancora in circolo.

    Capisco cosa intendi quando dici "mio marito non si può ammalare" perchè il mio è farmacista quindi non poteva assentarsi nemmeno in pieno lockdown, però ci sono situazioni estreme ecco.

    E vorrei sfatare il mito che i bimbi si ammalano "perchè vanno al nido/asilo/scuola", la mia bambina per esempio nei 2 mesi che è andata al nido prima dell'emergenza covid non si è mai presa nulla, dipende proprio dal bambino.

    Se però già non sei convinta tu per altri motivi allora valuta bene insieme a tuo marito...

    Secondo me però a quell'età hanno bisogno di interagire con gli altri bambini!

    • Rispondi
  • S
    Sposa Abituale Aprile 2018 Napoli
    Stephania ·
    • Segnala
    Grazie a tutte innanzitutto.
    Dunque Silvia, mi fa piacere che ne parli bene, vuol dire che non sta funzionando ovunque, negativamente, come invece mi stanno raccontando. Sono d accordo con te sul fatto che i bambini sanno adattarsi più di noi!

    Stefy, mio marito non potrebbe essere sostituito a lavoro ne mettersi in malattia. Sarebbe un problemino fare la quarantena.
    Ambra, temo un po il rischio , ecco di ciò che è capitato alla tua amica;Mia figlia fa tutto l inverno con raffreddore (abbiamo avuto già la prima fatigite!); un po ricordo, mia cugina a causa di insegnati tremendi, alle elementari, ancora oggi dice di odiare la scuola e non averne per nulla un buon ricordo.
    Ely, si materna. Ha 4 anni.
    • Rispondi

Hai votato . Scrivi un commento con i motivi della tua preferenza 👇

×

Articoli che potrebbero interessarti